Novità

Il Natale della Bottega

Il Natale quando arriva in Bottega si fa sentire: dai barattoli arriva profumo di spezie e infusi, come Casa dolce Casa, con caramello, vaniglia e riso soffiato, oppure Vin Brulé o il nuovo té che sa di Strüdel. E il té di Natale? Sì, lui c’é sempre. Dal diffusore arriva profumo di London Calling, mentre sulla tavolina verde ho acceso una tarte con Seattle Grunge (lo ammetto, ho un debole per loro) e dall’entrata arriva profumo di Arancia e Cannella. Le lucine colorate sono accese, le palline con i boccioli di rose e lavanda sono appese e le renne e i cuori riempiono le vetrine. Ci sono le nuove latte di Pastiglie Leone, con golosi cioccolatini o con caramelle; ci sono i nuovi Panettoni della Pasticceria Filippi, come quello al Pistacchio, o quello con Mela e Cannella, o ai Frutti di Bosco con Cioccolato, tutti incartati in simpatiche confezioni. Non mancano i Panettoni del Forno a Legna da Carlo, il Pandolce Genovese, i loro torroni, i loro baci e i loro inimitabili Canestrelli. Ci sono i liquori del nuovo Liquorificio Fabbrizii di Rezzoaglio, lo Sciroppo di Rose della Valle Scrivia e il Miele biologico di Varese Ligure. Ci sono tazze, cofanetti con tisane di Neavita e di English Tea Shop; ci sono i sali da bagno al profumo di lavanda o rosa di Almara Soap e le loro saponette al Pan di Zenzero e Miele, al profumo di Mela e Cannella o di Torta di Zucca e Spezie; ci sono Shampoo e Balsamo solidi di Ethical Grace, per un regalo green e alternativo. Non manca tutta la cosmesi plastic-free di Officina Naturae, le Spugne di Mare di Cose della Natura, le creme corpo profumate di Helan e Nature’s, le creme viso e i prodotti per capelli di Gyada Cosmetics e Saponaria. 

E poi ci sono io con miei maglioni rossi.

Da martedì 30 novembre al 24 dicembre mi troverete tutti i giorni con orario 8:30-12:30 / 15:30-19:30.

Vi aspetto!

Liquorificio Fabbrizii

In Bottega non si smette mai di trovare prodotti nuovi!
Oggi vi racconto la storia del Liquorificio Fabbrizii, una storia lunga un secolo, con ricette tramandate dalla Belle Époque.

Nei primi del ‘900 Giovanni Fabbrizii, caffettiere e liquorista, gestiva un elegante locale nel centro di Sestri Ponente dove la Genova bene si ritrovava da lui per gustare il famoso Amaro Fabbrizii, il “liquore tonico digestivo”, fornito anche ai Duchi di Savoia.
L’Amaro e l’Aperitivo di Giovanni venivano spediti in tutta Italia in varie casate nobiliari. Erano usciti di produzione con la Seconda Guerra Mondiale, ma Laura, bisnipote, ha trovato in un vecchio mobile il quaderno con le formule scritte di suo pugno.

Grazie a questo prezioso reperto i suoi discendenti, trasferitisi in Val d’Aveto portano avanti la tradizione, creando digestivi che sanno di Liguria, buoni come una volta.

Ma ora vi presento i loro 4 prodotti, che troverete disponibili in Bottega!

• Amaro Fabbrizii, é un amaro piacevolissimo: morbido, caldo e setoso con un tono leggermente pepato che si sprigiona piano piano in bocca; grazie alle proprietà digestive dei suoi sette ingredienti naturali, dà subito una sensazione di benessere dopo i pasti. Viene prodotto in modo naturale con una selezione di erbe provenienti dagli Appennini, complementate dal tocco esotico della corteccia di cascarilla delle Antille.

• Aperitivo Fabbrizii, arancia, estate, freschezza: sono queste le sensazioni che regala l’Aperitivo Fabbrizii. Amabile, avvolgente e dissetante grazie alla sua bassa gradazione alcolica (15°). Il suo gusto rigoglioso di bitter lo rende ideale per un aperitivo dissetante, da godere semplicemente anche solo liscio con ghiaccio.
Solo ingredienti naturali, tra cui tarassaco, rabarbaro ed oli essenziali dei migliori agrumi: questa è la base del nostro Aperitivo, prodotto con il metodo dell’infusione a freddo e poi diluito con acqua e zucchero.

• Gin Rusagni, caldo nel gusto e nel colore, che non solo valorizza i cocktail più classici, dal tradizionale Gin Tonic al Negroni, ma tutto da scoprire nella nuova arte della mixology. Rusagni (rus agni, villaggio degli agnelli) è il nome in dialetto di Rezzoaglio, dove nasce il Liquorificio: genuino come Rusagni, questo gin dal colore dorato viene fatto per infusione di bacche di ginepro e botaniche locali, con l’aggiunta di note agrumate.


• Limoncello di Santo Stefano, chiamato così perché Santo Stefano è il paese d’origine dei ragazzi del Liquorificio, nel cuore della Val d’Aveto. Prodotto con una quantità di limoni maggiore rispetto alla quota minima stabilita dal Consorzio di Tutela del Limone di Sorrento IGP. Per questo è così profumato e ricco di oli essenziali: sentirete subito la differenza!

Vi aspettano in Bottega!

Gianduioso e Tavolette Menta Leone

Un grande ritorno in Bottega che ormai segna l’arrivo della stagione invernale, il mitico Gianduioso, una morbida crema di gianduia, realizzata con ingredienti di eccellente qualità, il pregiato cacao Venezuelano incontra la nocciola tonda gentile delle Langhe, riconosciuta a livello internazionale con il marchio IGP, mentre il profumo inconfondibile viene dato dalla vaniglia naturale in bacche. Una crema adatta per gli amanti del cioccolato, nel curioso formato a tubetto che risulta pratico per farcire e decorare dolci e biscotti. Ottima anche sul pane o sulle fette biscottate.
Quanto é difficile resistervi?

E poi la novità per la Bottega sono le classiche Tavolette alla Menta, con olio essenziale di menta piperita del Piemonte!

Nuove tentazioni vi aspettano in Bottega <3

Novità di Pastiglie Leone: i "Cri Cri"

Sono arrivate tante novità di Pastiglie Leone, tanti barattoli da riempire di golosità. Ma la grande novità sono i Cri Cri, le famose praline vestite da caramelle. Formate da un cuore di nocciola tostata ricoperto di cioccolato fondente e rivestita da minuscole sfere di granelli di zucchero, avvolti poi in carta color pastello con frange ricciute. La leggenda narra che il nome sia nato da una particolare storia d’amore a Torino a cavallo tra il 1800 e il 1900. É la storia di Paolo, uno studente universitario e Cristina una sarta di splendidi abiti per le signore della società sabauda. Ad ogni appuntamento Paolo le comprava i suoi cioccolatini preferiti e la commessa della pasticceria, che aveva visto nascere il loro amore, sapeva che lui era solito chiamare la sua fidanzata con un diminutivo, Cri. Ogni volta che entrava la commessa con il sorriso complice gli chiedeva: “Cri?” e il giovane annuendo rispondeva: “Cri”. Fu così che il suono grazioso divenne il nome con cui il pasticcere decise di battezzare le sue dolci creazioni, in ricordo dei due innamorati.

E adesso vi aspettano in Bottega!

Saponi Almara Soap

Ma questi saponi sono così belli che non si possono usare!” E come darvi torto, ho pensato la stessa cosa già mentre li ordinavo senza averli ancora visti dal vivo. E quando il pacco é arrivato, super profumato non ho potuto che meravigliarmi.

Almara Soap produce dal 2014 saponi originali ma con il classico procedimento a freddo. I loro saponi sono belli e divertenti, ispirati ai viaggi, ai bisogni e ai desideri, dove l’immaginazione e la creatività li ha resi unici nel loro stile.
I loro ingredienti sono oli vegetali di altissima qualità, burri biologici, oli essenziali, essenze ed erbe, tutti ecologici.

E la nuova collezione per l’autunno é una meraviglia!
In edizione limitata troverete Apple Cider, il sapone alla mele, creato da purè di mele locali, miscelato poi con oli vegetali e cannella; Pumpkin Spice Latte, dall’irresistibile profumo di torta alla zucca con spezie e note di mirtilli rossi; Berry Bliss, dal dolcissimo profumo di more ricoperto da una granella di fragole; Creamy Carrot, con carota e latte di cocco per le pelli più secche e poi ancora Millefiori, Cappuccino, Cioccolata Calda, Mirtillo, Shave it All e Dolce Latte. 

Vi aspettano in Bottega sopra la madia blu  e sparsi qua e là nelle vetrine!

Palo Santo

Le origini del Palo Santo sono molto antiche, veniva utilizzato dagli sciamani Inca nei rituali religiosi per scongiurare le energie negative attraverso il suo fumo denso dal grande potere spirituale.

Ma cos’è il Palo Santo?

É un albero tropicale, originario dell’America Centro- Meridionale che può raggiungere un’altezza di circa 18 metri e produce piccoli frutti di colore verde scuro.

La produzione dei bastoncini di Palo Santo, il cui significato corrisponde a “Legno Sacro” , avviene nel totale rispetto dell’ambiente e dell’albero perché vengono utilizzati solo alberi caduti a terra naturalmente e seccati. Dalla morte dell’albero devono passare circa 3-4 anni, periodo in cui la pianta assorbe tutta l’energia e le virtù sacre, produce un olio che una volta bruciato genera un fumo denso e biancastro dalla profumazione particolare che ricorda la menta e gli agrumi.

Come si usa?

Accendilo con un accendino, fai fare la fiamma per un paio di secondi prima di spegnerla e lascia che il fumo rilasciato profumi l’ambiente. Dopo qualche minuto il fumo si spegnerà da solo. Accendilo ogni volta che vuoi. Puoi utilizzare il supporto per i bastoncini oppure per mantenerlo vivo puoi utilizzare i carboncini.

Ti sarà molto utile in estate per allontanare insetti, zanzare e mosche poiché l’aroma di Palo Santo risulta per loro sgradevole. Inoltre purifica l’ambiente dalle negatività, effettuando una sorta di pulizia energetica.

In Bottega trovate sia i bastoncini che il supporto creato da Cera una Bolla!